Articolo di: mer, nov 7th, 2012

Tunisia: in fuga dall’inverno

Condividi
Tags

Il freddo ormai è entrato nel vivo, e i primi ponti autunnali e vacanze possono essere visti come un’opportunità per scappare dal gelo. Oltre alle mete classiche dove è estate tutto l’anno, come i tropici o i Caraibi, si può scegliere anche un paese del mediterraneo, come la Tunisia: più accessibile, anche economicamente, e capace di alternare temperature miti a viaggi affascinanti. Anche i tempi per raggiungerla si riducono, candidandola a un’ottima destinazione anche per un week end lungo

La  Tunisia è una repubblica, Stato del Nord Africa, affacciata sul Mar Mediterraneo. Per visitarla, ai cittadini italiani è sufficiente essere in possesso della carta d’identità valida per l’espatrio accompagnato da un voucher di prenotazione dei servizi alberghieri o copia della convocazione. Altrimenti il passaporto in corso di validità.  Siate sicuri di rispettare le regole per corretto bagaglio a mano, e preparatevi a lasciare alle spalle per qualche giorno pioggia e umidità.

Sulle coste il clima è mediterraneo, caratterizzato da inverni miti e umidi, ed estati calde e secche. Mentre all’interno è di tipo semi-desertico o desertico, con temperature estive elevatissime, che possono toccare anche i  47 gradi, specie quando soffia il vento desertico del Ghibli.

La capitale Tunisi, è un dedalo di viuzze e modernità con una storia tutta da scoprire. La Medina, la parte antica, è ben conservata nonostante abbia cinquecento anni. Al suo interno sono presenti numerosi monumenti. Tra questi spicca la Moschea Zitouna, con duecento colonne provenienti dalle rovine di Cartagine; e  la Moschea Youssef Dey, prima moschea ottomana realizzata a Tunisi. Da visitare anche il Mausoleo husseinita Tourbet-el-Bey, luogo di sepoltura delle dinastia a cui si deve la sua costruzione.  Nella Medina ci sono tanti edifici sfarzosi come il Dar El Bey e  il Dar Ben Abdallah, oggi Museo delle Arti e Tradizioni Popolari. I vecchi quartieri europei costruiti all’inizio del XX secolo, sono belli da vedere perché pittoreschi e frequentatissimi. Ogni anno Tunisi è sede di numerosi concerti in occasione del FestivaI della Medina. Il Teatro Municipale, costruito nel 1902, è unico nel suo genere, perché è un raro esempio di architettura monumentale in stile Art Nouveau. A Tunisi c’è anche uno dei più grandi musei archeologici al mondo: il Museo del Bardo. Per chi è in cerca di divertimenti non mancano discoteche e night club.

La Tunisia offre la possibilità di visitare splendide città sul mare, ricche di preziose testimonianze della grande cultura araba. Hammammet ha una medina tra le più belle della Tunisia ed è una tra le più importanti località balneari del paese. Da vedere il Forte o kasbah, una fortezza imponente, e l’antica cittadina di pescatori ora stazione balneare. L’edificio Dar Sebastian, un misto tra architettura locale e lo stile Art Déco, è il Centro Culturale Internazionale della città. Interessante il sito archeologico di Pupput, dove ci sono antiche vestigia di templi, ville e di una immensa necropoli.

Cartagine, l’antica capitale fenicia distrutta dai romani e poi diventata colonia  sotto Giulio Cesare, i Bizantini e gli Arabi, ospita il Museo Nazionale con collezioni di oggetti punici, oltre che numerosi templi, un anfiteatro e le terme di Antonio.

Altre località da visitare sono Monastir, ricca di spiagge e complessi alberghieri di alto livello, che possiede una medina ed una moschea splendide; Port El Kantaoui, la cui marina è capace di ospitare imbarcazioni provenienti da tutto il mondo; la bellissima Djerba, dalle lunghe spiagge ricche di palmeti, con numerosi centri di thalassoterapia,

Ain Draham  è un piccolo villaggio situato nel nordovest del paese, un località di montagna con flora d’alta quota e corsi d’acqua, che ne fanno un vero gioiello.  La città storica di Kairouna possiede una medina superba e la Grande Moschea del IX secolo. Sidi Bou Saïd offre una vista meravigliosa poiché è su una scogliera sul golfo Tunisi. A Sousse, invece,  ci sono catacombe del periodo paleo-cristiano in un’eccellente stato di conservazione.

In corrispondenza della zona centro orientale del paese c’è lo splendido arcipelago delle  Isole Kerkenna. A Nord-est di Tunisi, la località di Cap Bon, è ideale per le gite balneari, con un interessante forte del VI secolo. Nei pressi del Kothon c’è il Museo oceanografico, oltre a grandi spiagge, zona perfetta per gli amanti delle escursioni subacquee.

Poi c’è il deserto, uno spettacolo portentoso da visitare in sella a cammelli e dromedari, che offre piccoli angoli di paradiso come l’Oasi di Chebika, circondata da palme, con una cascata conosciuta dai tunisini come “La grande cascata del deserto”.

 

Articolo di

-

Scrivi un commento

XHTML: Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

aa