Articolo di: ven, dic 2nd, 2011

Vivienne Westwood Shoes: la storia della moda degli ultimi trent’anni

Condividi
Tags

Vivienne Westwood Shoes
Vivienne Westwood è uno dei personaggi più noti della moda mondiale. E’ sicuramente la più grande stilista del Regno Unito ed è la creativa che più ha influenzato moda e tendenze artistiche nell’Europa del secolo scorso.
La sua grande personalità emerge già ragazzina. Nata in un piccolo paesino dello Cheshire, si trasferisce già a 17 anni a Londra, aprendo, in collaborazione con il musicista Malcom McLaren, una boutique di abiti punk. Molto presto il negozietto di Vivienne Westwood diviene punto di riferimento per tutti i ragazzi Punk e new wave.
A lei fu sempre vicina la band punk degli anni ottanta Sex Pistols. Da quel momento, le sue creazione, il suo stile, la sua creatività divennero un simbolo di contestazione giovanile, musica e lotta contro il sistema.

Vivienne Westwood Shoes: 130 paia di scarpe per raccontare moda e contestazione giovanile

Vivienne Westwood ha deciso di raccontare la sua stupefacente carriera nel libro Vivienne Westwood Shoes. Grazie a 130 paia di scarpe, che vanno dagli anni 70 ad oggi, Vivienne Westwood, la più irriverente delle stiliste, descrive un secolo di moda, tra estro, retrò e classe. Vivienne Westwood Shoes è una panoramica della cultura pop degli ultimi 30 anni ma è anche un contributo all’innovazione e all’apporto al fashion e al desing che ha saputo dare Vivienne Westwood. Un’icona glamour, un’artista che è riuscita a travalicare gli schemi del gusto massificato per coniugare classe, audacia e anticonformismo, partendo in primis dai tradizionali tessuti anglosassoni e alla creazioni artigianali.
Vivienne Westwood Shoes è un viaggio nella storia pop e glam, davvero da non perdere. Consideratela un’ottima idea regalo per questo imminente Natale 2011.

Articolo di

Scrivi un commento

XHTML: Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

aa