Articolo di: mer, dic 7th, 2011

Il 13 dicembre i gioielli di Liz Taylor all’asta da Christie

Liz Taylor, la diva dagli occhi viola

E’ stata la diva dell’età dell’oro di Hollywood, da molti definita la donna più bella del mondo o anche la venere dagli occhi viola; è Elizabeth Taylor, puro charme e talento, esibito già in tenera età con il film del 43’ “Torna a casa Lassie! ”. La celebre Li z Taylor è conosciuta in tutto il mondo, non solo come simbolo del grande cinema ma anche come icona glamour e regina del gossip e questa sua incessante presenza nel mondo del glitter hollywoodiano persiste anche mesi dopo la sua morte.

I gioielli della Taylor messi all’asta

E’ di questi giorni, infatti, la notizia che i gioielli dell’intramontabile diva sono stati messi all’asta. La casa d’asta più famosa al mondo Christie’s New York, mette in vendita la collezione di preziosi che la diva ha messo insieme nell’arco della sua lunghissima carriera. Il 13 dicembre è la data fissata per l’apertura delle contrattazioni, con ben 269 gioielli, del valore di 30 milioni di dollari circa, messi sotto gli occhi dei più ingordi collezionisti del mondo. Il tesoro della Taylor farà il giro del mondo, partendo dalla Russia, per poi approdare a Londra, a Los Angeles, a Dubai, a Ginevra, Hong Kong e Parigi.

La vita e gli amori della Taylor

L’incredibile collezione è composto da regali donatigli dai suoi tanti mariti, ma anche da pezzi che ella stessa ha acquistato durante la sua incredibile vita. Pezzi degni dei gioielli della Corona della Regina Elisabetta, tra cui spicca, anzi luccica una parure di gioielli di rubini e diamanti firmati Cartier, la cui solo collana è stimata intorno ai 200,000 – 300,000 dollari. La maggior parte dei pezzi è stata donata alla diva dall’amore della sua vita, il passionale e litigioso marito Richard Burton. L’amore per i gioielli è descritto dalla stessa Taylor nel libro “My Love Affair with Jewelry” del 2002.

Articolo di

Scrivi un commento

XHTML: Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

aa