Articolo di: gio, lug 7th, 2011

Amori estivi: affrontarli con lo spirito giusto

Amori estivi dolci ed amari allo stesso tempo

Finalmente stanno arrivando le meritate vacanze estive, l’inverno è stato duro, l’anno tutto sommato difficile tra rotture sentimentali, cambi di lavoro e rapporti che vanno e vengono, quindi per quest’estate la parola d’ordine è “divertirsi”!
Se questi pensieri vi suonano familiari sappiate che in linea di massima è l’obiettivo comune a tutti i single che stanno per andare in vacanza!
Si perché dopo un anno stancante non c’è niente di meglio che rilassarsi, divertirsi in spiaggia ed avere qualche storiella estiva lontana da casa e dalla stressante vita di coppia che per quanto bella comporta comunque tutta una serie di problematiche che non sempre si è disposti ad affrontare!
Non c’è nulla di male quindi nel prendersi una pausa e vivere un’emozionante avventura con il vicino di ombrellone… purchè si prendano le giuste precauzioni!
Le precauzioni di cui stiamo parlando non sono quelle che prevengono gravidanze e malattie sessualmente trasmettibili (anche quelle certo) ma quelle che invece prevengono cuoricini infranti e mal d’amore!

Amori estivi l’illusione non va in vacanza

Sembra strano ma a quanto pare persone che in una relazione estiva sembrano fatte l’una per l’altra, tornate a casa possono rivelarsi totalmente incompatibili!
Quando stiamo per affrontare una relazione estiva dobbiamo tenere in considerazione che la spensieratezza della vacanza può non farci vedere il nostro “rapporto” con razionalità perché lo spirito è rilassato, i problemi quotidiani non ci sono e quella persona sembra la nostra anima gemella!
Purtroppo non è in queste condizioni che possiamo renderci conto della nostra affinità, quella si vede una volta tornati a casa, affrontando il quotidiano.
Quindi non meravigliatevi se al vostro ritorno quella persona non vi sembrerà nemmeno attraente come prima perché la luce del tramonto a volte fa brutti scherzi!

Amori estivi prevenire è meglio che curare

Il segreto è quello di arrivare già psicologicamente preparate al fatto che quella è una storia che nasce e muore lì, poi se ci sarà una svolta ben venga, ma è inutile farsi illusioni sul futuro perché è statisticamente provato che difficilmente ce ne potrà essere uno.
Quindi vivete il presente però senza bruciare le tappe solo perché la vacanza è breve, non limitatevi a pensare al lato fisico ma vivete ogni singolo momento in maniera profonda.
Bisogna arrivare con l’idea che quello sarà solo un bel ricordo da raccontare un giorno e che per questo va vissuto alla giornata, poi come si dice “se son rose fioriranno”.

 

Articolo di

-

Scrivi un commento

XHTML: Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

aa